Arancine di Riso Integrale

La Piana di Sibari è soprattutto nota per la coltivazione di arance e di agrumi in genere. Ma da qualche anno, delle giovani aziende agricole locali, hanno cominciato a coltivare anche alcune varietà di riso, con metodo biologico. Compro perciò spesso il loro riso integrale, varietà carnaroli, che si presta perfettamente alla preparazione delle arancine, le quali richiedono appunto chicchi grossi che mantengano la cottura. 

Le arancine, dalla forma tonda, o arancini, nella forma conica, a seconda delle città siciliane di provenienza, o ancora le palle di riso di Napoli, sono uno dei cibi di strada più apprezzati  di tutta l'Italia de Sud.
Hanno mille varianti nel ripieno e nel gusto. Io le gradisco così, non vi dico Ninì ;)
AranciniIngredienti:
500 grammi di riso integrale carnaroli
un litro e mezzo circa di brodo vegetale
due pizzichi di zafferano
mezza bottiglia di salsa di pomodoro già cotta
una ciotolina di piselli cotti
una fetta di caciocavallo silano tagliato a cubetti
un paio di cucchiai di farina semi integrale
pangrattato
olio per friggere
sale marino integrale

Lavate il riso sotto l'acqua corrente e mettetelo a cuocere a fuoco lento con il brodo vegetale freddo. Verso fine cottura, unite lo zafferano diluito in una tazzina d'acqua. Spegnete, unite buona parte della salsa di pomodoro, un filo di olio, il formaggio grattugiato; mescolate bene e lasciate raffreddare.
Intanto fate una pastella di consistenza piuttosto liquida, con acqua, farina e sale.
Preparate adesso le arancine: prendete del riso nelle mani e formate una grossa palla, ricavatene un buco e inseritevi un cucchiaino di salsa di pomodoro, uno di piselli e qualche cubetto di caciocavallo. Richiudete la palla con dell'altro riso, se necessario, sigillandola perfettamente e passatela nella pastella. Dovreste ottenere in tutto dieci arancine (a noi piacciono così, enormi!). Passatele infine nel pangrattato e friggetele ad una o due alla volta, in una pentola stretta e profonda piena di olio bollente. Ponetele ad asciugare su carta assorbente e servitele calde, ma saranno  buonissime anche fredde!



15 commenti:

  1. Ma si può usare il carnaroli per le arancine?
    Non lega poco? Non rischiano di aprirsi (un incubo)?

    Ci sono varietà forse più adatte, tipo il Ribe?

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Direi che si DEVE fare con il carnaroli, lo trovo perfetto per le arancine ;) (poi il mio è integrale e bio!!!) Ho provato con l'arborio per esempio e non c'è paragone. Ti consiglio di sperimentare, sigillale per bene con la pastella di acqua e farina e vedrai che non si apriranno!

      Elimina
  2. Arancini perfetti! Ottima versione, penso che piacerebbe molto anche a me.
    Pensa che non li ho mai mangiati gli arancini!!! Non sono mai stata in sicilia, ahimé, e qui ogni tanto li trovo ma solo quelli di carne che non mi ispirano tanto.
    Complimenti per gli ingredienti del territorio, interessante sapere che ci sono coltivazioni di riso anche nella tua zona.
    Riprendendo il discorso del riso mi sembra che tra il ribe e il carnaroli non ci sia tantissima differenza di amidi, sono entrambi risi da risotto. Quello che si nota è che il riso è integrale, comunque lega meno rispetto a quelli bianchi indi sei stata bravissima a fare quelle superpallotte perfette!
    un abbraccio con furto di arancino!
    Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i chiarimenti sul riso, Cincia, so bene che sei una vera esperta :) Questo riso integrale di Sibari, dai chicchi belli grossi, si è prestato magnificamente ed il merito di tanta bontà è tutto suo! Ti consiglio di sperimentare, sono sicura che diventerai un'arancina-dipendente ;) E poi... potresti pure provare a farle con gli avanzi dei tuoi squisiti risotti!!! Baci :)

      Elimina
  3. Sarà 20 anni che non mangio un arancino fatto come si deve! mi hai fatto venire una voglia di friggere qualcuno... uhumm tentatrice!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha Mari! Vai, prova anche tu :)

      Elimina
  4. non c'è niente da fare! le arancine come le sapete fare voi, non le sa fare nessun altro. buona la tua versione. Interessante il riso coltivato in Sicilia, lo scopro adesso. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le arancine sono un cibo tipico del sud, siamo invece negati per i risotti...:)
      Davvero bello che anche qui ed in Sicilia si stia ritornando a coltivare il riso come si faceva fino ad un secolo fa... un bacione anche a te, Vale:)

      Elimina
    2. io invece da buona milanese, sono cresciuta a risotti.

      Elimina
  5. Letissia, queste sono davvero una meraviglia. Mi hai fatto venire voglia di addentarne una, e mi dovrei davvero trattenere (per via del formaggio! ;) ).
    A quel che ricordo mi piacevano parecchio, anche se fuori ovviamente non ho potuto più mangiarle. Mi hai fatto proprio venir voglia di provarle. Una volta avevo fatto degli arancini con del risotto avanzato ma erano piccolini e il ripieno che ora non ricordo bene forse non era proprio quello originale. Che fame!
    ..ho fatto un po ' di confusione con il sesso: ma sono femmine o masculi?! (si dice così?? ahaha :D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Nocciolina! :)
      L'avanzo del risotto va benissimo e vi è un'infinità di varianti per il ripieno. Veganizzale e poi mi dici, ma falle grosse, sono molto più belle ;)
      Possono essere masculi o fimmini, hai detto bene! ;) Un bacione!

      Elimina
  6. Ciao letissia, questi arancini di riso integrali devono essere davvero molto buoni, complimenti per la tua fantasia nel creare questi piatti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cuoco Segreto, sei gentile! :)

      Elimina
  7. Ciao ad una delle mie fotografe preferite, sai che amo queste preparazioni dove la tradizione apre la porta alla fantasia e creatività. A quest'ora ne mangerei una dozzina :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha Libera, addirittura una dozzina!!! Grazie d'essere passata :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...